(La fissazione è peggio della malattia), O ti manci sta minestra o ti abbi da finestra. (Ognuno sa quanto ce l’ha lungo, cioè ognuno conosce il proprio valore), L’Amuri è musuratu, cu lu porta, l’havi purtatu. (arriva a Malta con il buio) (Chi racconta i propri segreti si fa servo degli altri), Cu lassa a vecchia ppà nova peggiu s’attrova. (Fai del bene e dimenticalo, fai del male e ricordalo), Cu si marita sta cuntentu un jornu cu ammazza ‘n porcu sta cuntentu un annu. 'A biddizza è menza dota. ), Ccu amici e ccuparenti, ‘un accattari e ‘un vinniri nienti. (Disse il verme alla noce: dammi tempo che ti buco), Bon tempu e malu tempu, nun dura tuttu tempu. (Le liti tra marito e moglie finiscono sempre a letto), Cu’ asini caccia e fimmini cridi, faccia di paradisu nun ni vidi. Qui sono racchiuse le più belle citazioni e modi di dire siciliani che hanno contribuito a rendere fantastico il dialetto della Sicilia! Tutte le ricette. Godetevele tutte! (Dio manda dolori e pene, a chi vuole bene), Cu du’ vucchi vo basari l’una o l’altra hav’a lassari. (La pentola in comune non bolle mai), Cu fa credenza senza aviri pignu perdi la roba l’amicu e lu ‘ngegnu. (Quando mangi chiudi la porta, quando parli guardati alle spalle), A lu stru di cannula, non pigghiari ne fimmina, ne tila. ... cucina preDiletta sui Social Network. Collega la prima parte della frase con la seconda. Ricca di storia e tradizioni,  possiede un bagaglio preziosissimo di frasi siciliane chiacchierate dalle generazioni, passate e tramandate man mano nel tempo che hanno reso possibile un vero e proprio archivio di proverbi siciliani sulla vita. (Chi pecora diventa, viene mangiato dal lupo), A testa ianca, spissu lu sennu manca. (La bocca è quanto un anello, ma si mangia torri, palazzi e castelli), A pignata vaddata non vugghi mai. (Non lodare la giornata se non è passata la serata), Ama a cui t’ama, a cui nunt’ama, lassalu. (I soldi sono sulla bocca di tutti e nella tasca di nessuno), ‘I fìmmini quarchi vota dìcinu ‘u veru, ma nun lu dìcinu nteru. (Due sono i potenti, chi ha tanto e chi non ha niente), Non ci aiu mancu sali di salera. (tale padre, tale figlio), Triulu ‘nsigna a chianciri. Tutti i detti e i proverbi siciliani famosi - Sicilia - Pagina 1 ... Seguici sui social network. (Prima di fare un passo assicurati di poterne fare un altro), Cu arrobba fa un piccatu, ni fa centu cu è arrubbatu. (I beni acquistati con la fortuna, passano come la luna), Si vo’ passari la vita cuntenti, statti luntanu di li parenti. tecnici potrebbero essere installati sul tuo browser.Si tratta di cookies che servono esclusivamente a consentirti una migliore esperienza di navigazione ma che non ci consentono di archiviare nessun tuo … Quando la lingua vuole parlare, deve prima chiedere al cuore. (Dal nemico, non prendere consigli), Dopu a quarantina, un mali ogni matina. In alcune zone si realizzano a Natale, ma nella Sicilia Sud Orientale si trovano già a novembre. (Acqua, consiglio e sale non darne a chi non te ne chiede. 11-nov-2015 - Questo Pin è stato scoperto da Giovanni D'Angelo. (Con poca luce non scegliere ne moglie ne stoffa), U curnutu e canusciutu sulu ‘o so paisi, u cretini unni và và. (Vecchio innamorato è da tutti deriso), Attacca lu sceccu unni voli u patruni. (Le persone si scelgono perchè si somigliano), Zoccu ora si schifia veni lu tempu ca si ddisia. (Intelligenza fa bellezza), U megghiu beni è lu menu mali. Di seguito una selezione dei migliori detti in siciliano sul cibo, sulle donne e sull’amore: Aceddu `nta la aggia non canta p`amuri, ma pi raggia. (Uccello in gabbia non canta per amore, ma per rabbia), Vinu vecchiu e ogghiu novu. Utilizziamo anche cookie di terze parti che ci aiutano ad analizzare e comprendere come si utilizza questo sito web. ( crescere una serpe in seno), Quannu la furtuna vota ogni amicu s’alluntana Digitrend S.r.l. Hai anche la possibilità di disattivare questi cookie. (Se servi due padroni, non sarai un buon servo né per uno, né per l’altro), Malidittu u mummuriaturi, ma chiù assai cu si fa’ mummuriari. (chi lavora non pena), Casa senza omu, casa senza nomu. (Acqua, consiglio e sale non darne a chi non te ne chiede. (detto catanese utilizzato spesso dalle persone anziane quando difronte all’incredulità di un evento, esprimono la loro diffidenza con questo detto popolare, ossia l’impresa di raggiungere l’isola di Malta immersa in pieno Mar Mediterraneo , scarsamente visibile al buio sia dalle navi che dagli aerei), Aviri u culu chinu (Quando la lingua vuole parlare, deve prima chiedere al cuore), Quannu u diavulu t`alliscia voli l`arma. Esercizio 1. (Anche se si ha la testa di capelli bianchi, spesso non si è ancora maturi), Lu sazio nun cridi a lu dijunu. (Chi ha salute e libertà, è ricco e non lo sa), Servu d`autru si fa cu dici i sigretu ca sapi. (Aspettare qualcuno che non viene, andare a tavola e non mangiare, andare a letto e non dormire sono tre pene da morire), ‘A vucca è quantu n’aneddu si mangia turri, palazzu e casteddu. (ascolta tutti i consigli, ma non abbandonare la tua idea), Prima ‘i parari mastica i paroli (Prima di fare un passo assicurati di poterne fare un altro), Carciri, malatia e nicissità, si viri lu cori di l’amici. (si può morire da giovani ma è certo che un vecchio non può campare in eterno), Si lu giuvini vulissi e lu vecchiu putissi, non ci saria cosa ca non si facissi. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati. I campi obbligatori sono contrassegnati *. (Con gli amici e con i parenti, non comprare e non vendere niente), Cu’ è picciutteddu nun è puvireddu. (La fissazione è peggio della malattia), Cu’ voli puisia venga ‘n Sicilia. (Ricci, patelle e granchi, molto spendi e poco mangi), Bon tempu e malu tempu, nun dura tuttu tempu. (Buon tempo e brutto tempo non durano sempre), Vecchiu ‘nnammuratu di tutti è trizziatu. (Le liti più grandi sono tra parenti), Cummannari è megghiu ri futtiri. (Il vino deve essere vecchio e l’olio nuovo), Cu pava prima, mangia pisci fitusu Proverbi, detti popolari e citazioni Siciliane. (L’ Amore non sente consigli), Particolarmente fieri dei loro proverbi sono i catenesi, molto interessanti tanto da dedicarci una sezione proprio per loro . (donna pelosa, donna fortunata), Lu gilusu mori curnutu. Di seguito una selezione di frasi siciliane divertenti: Li megghiu sciarri su’ chi parenti. (l’intelligenza attira), A lavari la testa a lu sceccu si perdi acqua, sapuni e tempu. DolciSiciliani.net non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità … (Se vuoi campare in pace, ascolta, guarda e taci), Rizzi, pateddi e granci, spenni assai e nenti manci. (Chi bella vuole apparire, tante sofferenze deve subire), Occhi chi aviti fattu chianciri, chianciti. Fà beni e parra pocu. (Se vuoi stare sereno, stai lontano dai parenti), Nun ludari la jurnata si nun scura la sirata. (ogni cane si sente leone a casa sua), Li megghiu parenti su ‘li spaddi. (Il cornuto è conosciuto solo al suo paese il cretino ovunque va), Non si può mungiri a petra pi nesciri sugu. (Acqua, consiglio e sale non darli a chi non te ne chiede.). (Occhi che avete fatto piangere, piangerete), Li megghiu sciarri su’ chi parenti. (Dio dona biscotti a chi non ha i denti), U rispettu è misuratu, cu lu porta l’havi purtato. (Chi è sazio non crede al digiuno), Dui su` i putenti, cu avi assai e cu non avi nenti. (Chi ha fatto, ha fatto) (La calunnia se non macchia ti segna), Bona maritata senza soggira e cugnata. (Non c’è sabato senza sole e non c’è donna senza amore), Nuddu si pigghia si non si rassumigghia. (Chi ruba per mangiare, non fa peccato), Cu’ bedda voli appariri, tanti guai havi a patiri. (Possedere tanto e non saperlo apprezzare),  Abbagnaricci u pani Scopri (e salva) i tuoi Pin su Pinterest. (Non promettere ai santi digiuni e ai ragazzi focacce. Cu metti cavigghi, e cu metti puttusa! (Dio ci liberi del cattivo vicino, e del suonatore principante di violino), Li difetti de la zita s’ammuccianu cu la doti. Le cose che possiedi alla fine ti possiedono. (Maledetto chi sparla, ma di più chi si fa sparlare), La calunnia si non tingi pingi. (Le donne qualche volta dicono il vero, ma non lo dicono per intero), Si voi pruvari li peni di lu ‘nfernu, lu ‘vernu a Missina, e la stati a Palermu. Sta beni, lamentati! I proverbi siciliani sono modi di dire, detti e frasi che esprimono una sapienza millenaria e che riescono a descrivere, con poche parole, gli ambiti più diversi dell’esperienza e saggezza umana. (Quando il diavolo ti adula vuole l`anima), I picciuli sunnu nta vucca di tutti e nta sacchetta di nuddu. (Chi vuole baciare due bocche deve lasciar o l’una o l’altra), Cu avi lingua arriva a Roma. (Vecchio innamorato è da tutti deriso), Cu’ pecura si fa, lupu su’ mancia. (Questo disse la nonna, riso e guai si avvicendano), Prima di fari un passu, assicurati di putiri fari l’autru. (La mattinata fa la giornata), La donna, lu ventu e la vintura pocu dura. (Chi è sazio non crede al digiuno), ‘si servi du patruni un si servu bonu ‘né p’unu, ‘né pi l’autru’. Poche parole associate spesso ad espressioni ad hoc, riescono a spiegare la realtà e la filosofia di vita con un colore unico che solo i dialetti possono donare. (C’è chi aggiusta e chi cerca di rovinare). (Chi ha lingua arriva a Roma), Cu campa vecchiu si fa’. Proverbi siciliani divertenti, sulla … Frittelle della nonna. (Il no detto con grazia vale più del sì detto sgarbatamente), A vita iè comu a scala do puddaru: iè cutta e china ‘i medda. (La donna, il vento e la sorte poco durano), Di lu nemicu, ‘un pigghiari consigghiu. È obbligatorio ottenere il consenso dell'utente prima di utilizzare questi cookie sul sito web. (prima di parlare, mastica le parole/prima di parlare, pensa alle parole), Cu’ perdi un amicu, scinni un scalino. (Disse il verme alla noce: dammi tempo che ti buco), Cui di vecchi si ‘nnamura, si nni chianci la svintura. Goloso: persona che non rimanda mai a domani 3. (Quello che adesso si disprezza un giorno sarà desiderato), La matinata fa la jurnata. I piparelli sono dei biscotti siciliani a base di mandorle, miele e aromi vari molto simili ai cantucci sia per la presenza delle mandorle che per il metodo di preparazione. cucina preDiletta. (nessuno si prende se non si assomiglia). In archivio 22 frasi, aforismi, citazioni sui dolci La trovi in Venezia Giulia. (Chi è giovane non è povero), Dui su` i putenti, cu avi assai e cu non avi nenti. (Gli anni passano sopra di noi), Cu’ pecura si fa, lupu su’ mancia. Questi cookie non memorizzano alcuna informazione personale. Soluzione per DOLCI SICILIANI in Cruciverba e Parole Crociate. (Chi ha salute e libertà, è ricco e non lo sa), Nun prumettiri e santi diuna né e carusi cudduruna. Invece che passare dalla parte del torto, 5. (Donna senza amore, è fiore senza profumo), Cu’ bedda voli appariri, tanti guai havi a patiri. (va a fartio monaco!) (Quando l’amore vuole, trova come fare), Tutti i cunsigghi pìgghia, ma u to nun u lassari. (A volte, l’amore è amaro, ma addolcisce il cuore), Carni fa carni, pani fa panza, vinu fa danza. (Chi paga prima, mangia pesce marcio), L’amuri è amaru, ma arricria lu cori. Questa categoria include solo i cookie che garantiscono funzionalità di base e di sicurezza. Aceddu `nta la aggia non canta p`amuri, ma pi raggia. (chi divide ha la parte migliore), La donna, lu ventu e la vintura pocu dura. Proverbi siciliani divertenti, sulla vita, sulle donne e detti siciliani sul cibo e tanti altri sono i temi toccati da queste bellissime massime. (Ascolta tutti i consigli, ma non abbandonare la tua idea), Di quattru cosi nun t’ha fidari: Sirinitati di nvernu e nuvuli di stati, chiantu di fimmina e caritati di frati. (Nel carcere, nella malattia e nelle necessità, si vede il cuore degli amici), Li guai di la pignata li sapi la cucchiara. (La donna, il vento e la sorte poco durano), A minchia nunn’avi occhi: unni s’anfila s’anfila, e su ss’anfila è megghiu. (Due sono i potenti, chi ha tanto e chi non ha niente), Fimmina barbuta, mancu di luntanu si saluta. Qualsiasi cookie che potrebbe non essere particolarmente necessario per il funzionamento del sito web e viene utilizzato specificamente per raccogliere dati personali dell'utente tramite analisi, pubblicità e altri contenuti incorporati sono definiti come cookie non necessari. (Chi può star libero, non vada a cercare catene), Cu’ arrobba pri manciari, nun fa piccatu.